Psara


EUR-GRE-Nord Egeo-Psara
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara, villaggio
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara, chiesa di Sant'Anna
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara, villaggio e porticciolo
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara, villaggio e porticciolo
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara, il villaggio
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara, Agios Nikolas
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara, il villaggio
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara, spiaggia di Lazareta
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara, il faro
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara
  • EUR-GRE-Nord Egeo-Psara Psara

L'isola di Psara si trova nel Mar Egeo, a ovest di Chios, ha una superficie di circa 43 km² ed è abitata da circa 400 persone. Psara è la più grande di un gruppo di isole che comprende altri sette isolotti: Antipsara, oggi disabitata, Kato Nisi, Aye Nikolaki, Daskalio, Psaronisi e Nisopoula.

L’isola di Psara si trova nel Mar Egeo, a ovest di Chios, ha una superficie di circa 43 km² ed è abitata da circa 400 persone. Psara è la più grande di un gruppo di isole che comprende altri sette isolotti: Antipsara, oggi disabitata, Kato Nisi, Aye Nikolaki, Daskalio, Psaronisi e Nisopoula. Psara è oggi una destinazione turistica popolare nell’Egeo orientale, con una ristretta selezione di alloggi, hotel tradizionali, camere in affitto ed eccellenti taverne. Psara è stata abitata fin dal periodo miceneo e i suoi abitanti hanno sempre fatto affidamento sul mare per guadagnarsi da vivere. Della sua storia antica son pochi i fatti certi. Pare che durante il Medioevo le isole siano state deserte e vennero ripopolate da alcune famiglie greche provenienti perlopiù dalla Tessaglia nel XV e XVI secolo nel tentativo di scampare alle incursioni turche. Più tardi, Psara divenne la terza forza nella marina commerciale, dopo Hydra e Spetses.

Nel 1821 durante la Rivoluzione greca Psara rivestì un ruolo chiave contro l’occupazione ottomana, infatti gli abitanti dell’isola distrussero molte unità navali turche sotto il comando di capitani come Papanikolis, Kanaris e Pipions pagando un alto prezzo per l’aiuto fornito durante la Rivoluzione. Il 24 giugno 1824 i turchi, incapaci di sconfiggere gli isolani in mare, distrussero l’isola massacrandone o catturandone la popolazione che oppose un’eroica resistenza. I pochi abitanti superstiti fuggirono trovando rifugio a Monemvassia. Dopo la liberazione della Grecia, molti di loro ritornarono però sull’isola stabilendovisi permanentemente. Come ringraziamento per l’eroico contributo alla resistenza a Psara venne concesso per 100 anni il privilegio di eleggere due parlamentari. Il privilegio fu revocato nel 1946, però ancor oggi per onorare l’isola alla città di Psara viene riconosciuto lo status di comune nonostante le sue ridotte dimensioni.

L’unico un insediamento abitato sull’isola di Psara è l’omonimo villaggio, situato sul lungomare che abbraccia il porticciolo dell’isola. Una manciata di case tradizionali con qualche edificio pubblico che ricorda il glorioso passato dell’isola.  Il piccolo museo archeologico situato in paese conserva reperti provenienti dagli scavi sull’isola, come vasi e anfore che venivano usati nell’antica città che si ritiene si trovi sotto il villaggio. Di particolare significato è il memoriale dell’olocausto costruito sula collina di Mavri Rahi a perenne ricordo dei martiri che persero la vita lottando contro gli ottomani. Sulla cima della collina si trova anche la chiesa di Agios Nikolaos costruita tra il 1785 e il 1793 in onore dei naviganti, alla quale si accede da una ripida scalinata di 60 gradini. Da qui si gode di una vista panoramica davvero mozzafiato. Uno degli edifici più importanti di Psara è il monastero dedicato alla Dormizione della Vergine Maria, edificato nel XVI secolo nella zona nord dell’isola. Costruito in marmo proveniente da Chios come richiedeva la tradizione e disegnato da Roumeliotis con uno stile architettonico che ricorda quello delle Meteore. Il Monastero rivestì un ruolo importante durante la rivoluzione del 1821 e venne raso al suolo dai turchi. Tra il 1880 e il 1890 il monaco Attanasio lo restaurò restituendo alla comunità un pezzo di storia. All’interno del monastero viene amorevolmente custodita una collezione di antichi libri manoscritti religiosi molti provenienti da Venezia e Russia.  Il 1 agosto di ogni anno gli abitanti dell’isola accompagnano l’icona della Dormizione in città e si dedicano alla preghiera nelle loro case. Sulla punta del promontorio di Agios Georgios si trova il vecchio fato, costruito nel 1909 alto 78 metri, uno ei più caratteristici del paese. In località Arhondiki si trova un interessante sito archeologico che ha riportato alla luce i resti di un antico insediamento di epoca micenea. Molti dei ritrovamenti sono oggi esposti nel Museo Archeologico di Chios.Gli appassionati di pesca subacquea scopriranno un vero tesoro sottomarino nei fondali che circondano l’isola, gli escursionisti potranno esplorarla camminando sui sentieri che la percorrono. I buongustai potranno assaggiare qui i frutti di mare più gustosi e la pasta con aragosta, i prodotti locali a base di formaggio locale come il mizithra e il kopanisti e il delizioso miele di timo, che viene raccolto solo una volta all’anno.

 

LE SPIAGGE

Nessuna spiaggia dell’isola è attrezzata.

Lаzаrеttа: spiaggia di sabbia fine con fondali digradanti e acqua trasparente e cristallina che si trova nella parte sud dell’isola.

Agia Kyriaki: bella spiaggia di sabbia lambita da acque trasparenti e pulite situata in una zona tranquilla e isolata nella parte est dell’isola.

Arhondiki: gradevole spiaggia di sabbia e ciottoli situata nella parte ovest dell’isola in una posizione tranquilla e isolata, bagnata da un mare trasparente e cristallina.

Fanari: nella parte sud dell’isola, questa isolata spiaggia di piccoli ciottoli con un mare cristallino e dalle mille sfumature è ideale per chi vuole trascorrere una tranquilla giornata di sole e mare.

Ftelio: una lunga spiaggia di sabbia situata nella parte nord ovest dell’isola, con fondali chiari e acqua pulitissima.

Katsounis: un’ampia spiaggia di sabbia dorata nella parte nord ovest dell’isola, la più bella e frequentata, dove il mare azzurro e cristallino invita a trascorrere una pigra giornata di sole e relax.

Kato Gialos: situata in una posizione tranquilla e riservata nella parte nord ovest dell’isola, questa bellissima spiaggia di sabbia dorata è bagnata da un mare incredibilmente trasparente e cristallino, ideale per chi ricerca la tranquillità.

Lakka: una delle più popolari dell’isola, lunga spiaggia di sabbia bagnata da un mare dalle mille sfumature situata nella parte ovest dell’isola.

Limnos: spiaggia di sabbia situata nella zona sud di Psara e bagnata da u bel mare pulito e trasparente.

Psili Ammos: ritenuta una delle spiagge più belle del Mediterraneo, l’ampia spiaggia di Psili Ammos si trova sull’isolotto di Antipsara ed è raggiungibile in barca. Qui il mare è assolutamente bellissimo, con sfumature dal blu al turchese.

Spitalia: altra spiaggia di sabbia dorata bagnata da acque trasparenti e cristalline, si trova sulla parte sud ovest dell’isola, in una zona tranquilla e riservata.

Informazione attualmente non disponibile.

Informazione attualmente non disponibile.

Non sono ancora disponibili sistemazioni per la zona desiderata.

Non sono ancora disponibili informazioni per la zona desiderata.