Barbagia e Ogliastra…da Posada a Nuoro


EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Torre di Barì
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Spiaggia di Marina di Orosei
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Spiaggia di Capo Comino
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Chiesa di Sant'Antonio Abate Orosei
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Santa Lucia, Siniscola
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Dorgali
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Nuoro centro storico
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Monte Corrasi visto da San Pietro, Nuoro
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Lotzorai, domus de janas
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Lido di Orrì
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Grotte del Bue Marino , Dorgali
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Gairo, spiaggia di Su Sirboni
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Cala Sisine
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Cala Luna
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Cala Goloritzé
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Baunei, Pedra Longa
  • EUR-ITA-Sardegna-Barbagia e Ogliastra Arbatax

La natura incontaminata e la cultura millenaria sono le caratteristiche principali di di questa parte di Sardegna, perfetta per chi vuole scoprirne gli aspetti più autentici, che si estende dal pittoresco borgo di Posada  fino alle coste profonde dell’Ogliastra e di Arbatax.

La natura incontaminata e la cultura millenaria sono le caratteristiche principali di di questa parte di Sardegna, perfetta per chi vuole scoprirne gli aspetti più autentici, che si estende dal pittoresco borgo di Posada  fino alle coste profonde dell’Ogliastra e di Arbatax. Siniscola col suo centro storico caratterizzato da numerosi palazzi ottocenteschi di notevole importanza artistica e La Caletta raggiungibile dal centro percorrendo un rettilineo, grazioso porticciolo turistico con una spiaggia sabbiosa lunga ben 4 chilometri fanno parte di un territorio particolarmente variegato ed interessante dal punto di vista naturalistico per le splendide spiagge, il mare cristallino, le dune della fascia costiera e per la ricchezza e peculiarità della flora e della fauna, il tutto in una sorta di alternanza fra la montagna e il mare: il Monte Albo, con la sua natura aspra, i suoi sentieri e le immense spiagge di dune sabbiose, in particolare le spiagge di Capo Comino e di Berchida, raggiungibile con sole due ore di cammino. Una delle zone turistiche di maggiore interesse in quest’area è lo splendido Golfo di Orosei, che negli ultimi anni si è però decisamente orientato verso il turismo. In particolare Cala Ginepro e Cala Liberotto si caratterizzano per le ampie spiagge di sabbia, il mare digradante e le pinete profumate. Il suggestivo paese di Orosei, con le sue vecchie case imbiancate a calce, gli archi ed i sottopassaggi, gli antichi palazzi nobiliari, le numerose chiese, ricrea l’atmosfera della Sardegna più autentica, così come l’entroterra ricco di attrattive naturalistiche che permette di assaporare la vera Sardegna.

Ancora più a sud, sulle pendici dei monti, Dorgali mantiene ancora vive le proprie tradizioni agricolo-pastorali e sono rinomate per la produzione di ottimi vini e formaggi tipici; il territorio di Dorgali offre anche spettacolari attrattive naturali, come le grotte e le gole scavate dall’acqua nella roccia calcarea del Supramonte, le foreste incontaminate ed i panorami di stupefacente bellezza. Orgosolo con i meravigliosi murales, che raccontano storie di Sardegna e Nuoro, patria di Maria Grazia Deledda, con il bellissimo Museo del Costume.

Cala Gonone, grande borgo turistico sulle pendici della collina ripida in discesa verso la costa del Golfo di Orosei, si staglia contro l’azzurro del mare. Le bellissime spiagge non si vedono subito, poiché il paese si affaccia sul porto turistico. Le splendide cale del golfo sono talora raggiungibili via mare o, più lungamente, tramite i sentieri dell’entroterra. Molto nota la splendida Grotta del Bue Marino, che partendo dalla costa entra nella montagna per diversi chilometri ed era rifugio della foca monaca, purtroppo oggi data per estinta in questa zona. Risalendo verso l’interno la città di Nuoro, città antica e ricca di storia. Uno dei luoghi più conosciuti è il Monte Ortobene, con i suoi boschi e i suoi graniti, luogo di grande pregio paesaggistico e naturalistico, offre grandi suggestioni in occasione delle nevicate invernali; la sua vetta raggiunge i 955 m s.l.m. e diversi belvedere ampiamente panoramici sul Monte Corrasi di Oliena, verso il Supramonte, il Gennargentu ed il mare. Più a sud, raggiungibile dall’interno tramite una strada a scorrimento veloce, oppure tramite la più tortuosa ma panoramica S.S. 125, si trova il territorio dell’Ogliastra, ricco di un’infinità di scenari paesaggistici diversi; la sua lunga costa, formata dall’alternarsi di spiagge di sabbia e maestose scogliere di granito. Il paese di Santa Maria Navarrese, inserito in un contesto naturale caratterizzato dalla tipica macchia mediterranea, che si riflette nelle acque trasparenti del suo piccolo golfo e da una bella spiaggia, conserva un nome antico e misterioso, legato alla storia medioevale ed alla leggenda. Il suo simbolo è la chiesetta medievale che si trova al centro della piazza, circondata da maestosi olivastri millenari.

Arbatax si trova su una penisola, Capo Bellavista, al centro della costa orientale sarda, a ridosso dello Stagno di Tortolì, con il suo porto, servito regolarmente dalle compagnie marittime è il principale punto di arrivo della zona. Famose le sua spiaggia Rocce Rosse, che si presenta con un fondo di scogli bianchi e rocce di granito rosso e acque dal colore azzurro cangiante per i giochi di luce creati dal sole riflesso sul fondale di sassi e alte rocce affioranti. A pochi chilometri in direzione sud, Barisardo, il cui territorio si estende tra spiagge e colline, dove si trovano importanti monumenti storici: i nuraghi di Ibba Manna, Ibbixxedda, Niedda Puliga, Moru e Mindeddu, le tombe dei giganti Canali, Uli e Pitzu Teccu,e una torre aragonese. A seguire Cardedu e Gairo con le rispettive marine, verdi colline, ampie spiagge e il forte profumo della macchia mediterranea.

Il porto di Arbatax è servito da traghetti provenienti per lo più da Civitavecchia e Genova operati da Tirrenia. Il piccolo aeroporto di Tortolì negli ultimi anni è stato spesso chiuso per problemi di agibilità delle piste. Si consiglia quindi di atterrare a Cagliari servito perlopiù da Air Italy e Alitalia e da compagnie low cost come Ryanair, Volotea e Easy Jet o a Olbia dove atterrano Air Italy, Volotea, Easy Jet e di proseguire il viaggio noleggiando un’auto.

Molto panoramica è la mitica ss. 125 orientale sarda che si origina a nord est della città di Cagliari e si dirige verso est, rimanendo nell’entroterra. Attraversa la località di San Gregorio, la gola di Rio Cannas e quindi San Priamo prima di arrivare in prossimità della costa. Prosetue, poi, in direzione nord attreversando i comuni i Muravera e Villapuztu e la piccola frazione di Quirra, prima di entrare nell’Ogliastra, tenendosi sempre a qulche chilometro di distanza alla costa. Attraversa quindi le frazioni i Tertenia, Cardedu, Barisaro e Tortolì. Proseguendo, attraversa Lotzorai e Baunei; dopo queste due località il tracciato si fa più impervio e si addentra più profondamente nell’entroterra. Si sale valicando la Genna Arramene, la Genna Coggina, la Genna Sarbene, la Genna Cruxi e la Genna Silanaper entrare nel Nuorese. Dopo circa 50 km. disabitati, si raggiunge Dorgali; da qui la straa inizia nuovamente a deviare verso il mare, dirigendosi verso Orosei. Da Orosei, utilizzando la s.s. 129 si può raggiungere la città di Nuoro. Dopo Orosei la strada continua verso Siniscola e quindi Posada, prima di raggiungere la Gallura. Si tratta di una strada molto apprezzata in virtù delle innumerevoli curve e dei paesaggi spettacolari che attraversa.

 

I Mamuthones di Mamoiada

I Mamuthones sono maschere tipiche del carnevale di Mamoiada in Sardegna e assieme agli Isoohadores sfilano con ruoli diversi: i Mamuthones procedono affaticati e in silenzio mentre gli Issohadores vestono in modo colorato e danno movimento alla processione. L’origine dei mamuthones resta ancora oggi controversa e la tesi più suggestiva vuole che il rito risalga all’età nuragica, come gesto di venerazione e per proteggersi dagli spiriti e propiziare il raccolto. Altra teoria, invece, sostiene che siano stati creati per celebrare la vittoria dei pastori di Barbagia sugli invasori saraceni. Il costume del manuthone prevedere una maschera facciale (visera) di legno nero assicurata al volto mediante cinghie di cuoio e contornata da un fazzoletto di foggia femminile, una sorta di tuta realizzata con pelli di pecora nera (mastruca) e una serie di campanacci (carriga) sistemati sulla schiena. Le maschere vengono prodotte con vari tipi di legno (fico, olmo, ontano, castagno o noce) e successivamente annerite. Nei tempi passati venivano, invece, realizzate con legno di pero selvatico.

Il Coltello di Pattada

La tradizione attribuisce la nascita del coltello originario di Pattada ai due fratelli Mimmia (e Giuseppe Bellu che a cavallo tra ‘800 e ’900 diedero vita alla Resolza così come è conosciuta oggi. Dai tempi antichi Pattada era nota per le capacità tecniche dei suoi fabbri, abilissimi nella lavorazione del ferro utilizzando tecniche apprese da arabi e spagnoli. I fabbri di Pattada riuscirono a trasformare il coltello da mero strumento utilizzato nella quotidianità dei pastori a un prezioso manufatto, oggetto anche di collezionismo. Il tradizionale coltello di Pattada è caratterizzato dal manico in corno e dalla lama in acciaio a forma di foglia di mirto (pianta tipica mediterranea) e si è arricchito, con il passare degli anni, di elementi estetici e stilistici. Considerato come il il coltello sardo per eccellenza e chiamato col nome di Resolza viene costruito con molteplici varianti per forma, materiali e decorazioni.

Il Museo etnografico sardo

Il complesso di edifici che ospita il museo sorge sul colle di Sant’Onofrio e raccoglie abiti ed oggetti tipici della vita e dell’artigianato sardo. Costruito tra il 1950 e il 1960 su disegno dell’architetto Antonio Simon Mossa fu inizialmente chiamato Museo del costume e delle arti popolari. Cambiò la sua denominazione nel 1972 e venne aperto al pubblico nel 1976. Nel 2004 vennero effettuati importanti lavori di ampliamento e riqualificazione. La sede del museo, costituito da vari edifici separati da cortili, costituisce una sorta di villaggio sardo immaginario in cui sono rappresentate tutte le tipologie di architettura della Sardegna: una piazza con la chiesa, un’abitazione campidanese, ecc. Al suo interno, il museo custodisce circa 8.000 reperti, risalenti per la maggior parte al periodo compreso tra la fine dell’XIX secolo e il primo cinquantennio del XX secolo. Tra gli oggetti esposti: abiti tradizionali di diversi paesi della Sardegna, tappeti, copri cassapanche, coperte tessute a telaio, gioielli e oreficeria tradizionale, amuleti, sedie, cestini, maschere del carnevale, strumenti della musica popolare, utensili domestici e di lavoro. Una zona del museo è, infine, dedicata alla produzione del pane, con le centinaia di diverse tipologie legate agli usi e alle antiche tradizioni locali.

EUR-ITA-Sardegna-Torre navarrese

Torre Navarrese Resort

Un nuovo villaggio di una catena prestigiosa, a poca distanza dal piccolo e accogliente centro di Santa Maria Navarrese. Per vivere la Sardegna in una cornice diversa.


EUR-ITA-Sardegna-Cala Ginepro

Cala Ginepro Hotel Resort

PRENOTA CON NOI : NAVE GRATIS !

Una vacanza di classe in un Resort dove la bellezza della macchia mediterranea e i colori del mare si fondano per regalarvi uno spettacolo unico.


EUR-ITA-Sardegna-Giardini di Cala Ginepro

I Giardini di Cala Ginepro Hotel Resort

Un Resort unico dove portare la famiglia in vacanza tra natura, mare , benessere e ogni genere di comfort.


EUR-ITA-Sardegna-Hotel Club Saraceno

Hotel Club Saraceno

PRENOTA CON NOI : TRASFERIMENTO GRATUITO DALL'AEROPORTO DI CAGLIARI. ( MINIMO 2 PERSONE).

Un club esclusivo all'interno di uno splendido giardino a due passi dalla spiaggia, relax, divertimento e ottima cucina.


EUR-ITA-Sardegna-Hotel Corte Bianca

Hotel Corte Bianca

PRENOTA CON NOI : TRASFERIMENTO GRATUITO DALL'AEROPORTO DI CAGLIARI. ( MINIMO 2 PERSONE).

Un piccolo resort dal sapore del borgo sardo di un tempo, recentemente rinnovato da una rinomata catena alberghiera,immerso in un verde giardino e a pochi metri dal mare; un luogo ideale per chi cerca una vacanza all’insegna del relax ma desisdera le migliori attenzioni.


LE SPIAGGE DA NON PERDERE!

Costa di Siniscola  

Orvile, Su Tiriazu e Iscraios, San Giovanni, La Caletta, Sa Preta Ruja, Santa Lucia, Dei Confetti, Capo Comino, Berchida

Costa di Orosei      

Bidderosa, Sa Curcurica, Cala Ginepro, Cala Liberotto, Fuile, Sas Linnas Siccas, Santa Maria, Sa Marina, Su Barone, Su Petrone

Costa di Cala Gonone      

Cala Osalla, Cala Cartoe, Palmasera, Sos Dorroles, S’Abba Meica, Ziu Martine, Cala Fuili, Ziu Zantoru, Cala Oddoana

Costa di S. Maria Navarrese

Pedralonga, Cala Luna, Cala Sisine, Cala Mariolu, Goloritze, Cala Biriola, Cala dei Gabbiani, Santa Maria Navarrese, Isolotto d’Ogliastra, Su Tancau, Pollu, Is Orrosas, Iscrixedda, Girasole

Costa di Arbatax   

La Capannina, Cala Moresca, Porto Frailis, San Gemiliano, Basaura, Sos Flores, Lido di Orrì, Baia di Cea o Is Scoglius Arrubius, Il Golfetto, Dei Milanesi, Foxi’ e Lioni

Costa di Barisardo

Torre di Barì, Punta Niedda, Punta Su Mastixi, S’Abba e S’Ultimu, Foxi, Pranargia, Sa Marina

Costa di Cardedu  

Museddu, Foddini, Sa Perda’ e Pera

 

Costa di Gairo       

Su Sirboni e Coccorrocci

ESCURSIONI CONSIGLIATE!

In barca o gommone alle splendide Cala Luna, Cala Mariolu, Cala Goloritzè; Dorgali, capitale dell’artigianato; le fonti carsiche di Su Gologone; Oliena e il villaggio preistorico Sa Sedda e Sos Carros; Orgosolo, la città dei murales; i Menhir dell’area sacra di Perdalonga; il Parco Naturale di Bruncu Santoru; Ulassai e la Grotta di Su Marmuri.

Logo Air Italy

Air Italy

Air Italy è una compagnia italiana con Luna flotta attualmente composta da 8 Boeing 737 NG e 3 Boeing 767-300 che sarà progressivamente rinnovata, partendo da 8 nuovi aeromobili in ingresso durante il 2018, di cui 3 nuovi Boeing 737 MAX 8 e 5 Airbus A330-200 e con l’uscita dalla flotta dei B767-300 entro la fine dell’anno. 


Logo Alitalia

Alitalia

La compagnia di bandiera collega con voli plurigiornalieri Roma Fiumicino e Milano Linate con Cagliari., inoltre permette di raggiungere la Cagliari anche con voli via Roma dalle principali città italiane.


EasyJet

E' il primo network di trasporto aereo in Europa grazie a una presenza di primo piano sulle prime 100 rotte e sui 50 principali aeroporti europei.


Ryanair

Il modello a basso costo e senza fronzoli di Ryanair ha rivoluzionato il settore del trasporto aereo e ha reso l'Europa accessibile a tutti. Ryanair continua a essere leader nei trasporti aerei a prezzi convenienti, facendo tutto il necessario per garantire tariffe tra le più basse sul mercato.


Volotea

Volotea

Con Volotea si vola verso: Alghero, Atene, Cagliari, Cefalonia, Corfù, Dubrovnik, Heraklion, Karpathos, Kos, Mykonos, Olbia, Preveza / Lefkada, Rodi, Samos, Santorini, Skiathos, Spalato, Zante.


Logo GNV

GNV Grandi Navi Veloci

Raggiungi alcune tra le più suggestive mete del Mar Mediterraneo con GNV.

Con GRANDI NAVI VELOCI puoi scegliere tra 13 destinazioni: Porto Torres, Olbia, Genova, Civitavecchia, Palermo, Termini Imerese, Napoli, Barcellona, Tunisi, Tangeri, Nador e Sète, Bari e Durazzo.


Moby Lines

Da sempre al servizio dei viaggiatori per offrire ogni giorno, in ogni stagione, uno stile di navigazione garantito da oltre 130 anni di tradizione e esperienza nel settore dei trasporti marittimi. Importanti riconoscimenti ne attestano l'affidabilità e qualità dei servizi, come le certificazioni ufficiali del Registro Navale Italiano del "Safety Management System", sistema di qualità, sicurezza e rispetto dell'ambiente, applicato dal 1994.


Logo Sardinia Ferries

Sardinia Ferries

Le inconfondibili navi gialle di Sardinia Ferries operano collegamenti giornalieri da Livono a Golfo Aranci con nave moderne e performanti. In estate la compagni opera con almeno due corse giornaliere. La compagnia opera anche corse da Porto Vecchio a Golfo Aranci e da Porto Torres a Porto Vecchio e viceversa per chi desidera abbinare le due isole.


Logo Tirrenia

Tirrenia

L’attuale flotta passeggeri Tirrenia, tra le più moderne del Mediterraneo, è composta da navi costruite dopo il 2000 che garantiscono i più alti standard di sicurezza e affidabilità. Tutte le navi Tirrenia sono garantite dal Certificato di Classe, il Certificato di Sicurezza Trasporto Passeggeri e dal Safety Management System. I traghetti Tirrenia collegano Genova a Olbia, Arbatax e Porto Torres, Civitavecchia a Olbia, Arbatax e Cagliari e Napoli e Palermo a Cagliari.